Cerco Nero 7d Scaricare

Cerco Nero 7d Scaricare cerco nero 7d

Per una messa a fuoco sempre perfetta, EOS 7D Mark II offre 65 punti di messa a fuoco per seguire . Scarica l'app Canon Photo Companion per Android. Accedi al forum: puoi scaricare [GRATIS!] tutti i reports e fare mille altre cose in più! Accedi per scaricare il file Un report Maggiori Informazioni. Io l'ho provato su Windows 7 con la mia Canon EOS 7D e ha funzionato EOSMSG_7D. Ovviamente, non trattandosi di software ufficiale Canon, non è. Canon Eos 7D Mark II è una fotocamera sportiva, in grado di catturare immagini Durata della batteria, manuale da scaricare, Pesantezza ma provengo da una . Come la 5D Mark II e la 7D, la D e la D hanno un'uscita HDMI . in full HD se si tiene il copriobiettivo sulla macchina e si registra il nero! Maurott tanto per iniziare cerca di scaricare un programmino stupido ma.

Nome: cerco nero 7d
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 44.57 MB

Torna indietro. Salva nei preferiti Preferito. Prezzo: 8. Comune: Padova. PRIVACAR è un franchising con 29 sedi in Italia che sta rivoluzionando il settore delle vendite tra privati, portando fiducia e sicurezza nel mercato dell?

Sul nostro sito trovi uno stock con più di auto verificate e potrai richiedere diversi servizi aggiuntivi come:?

Dal giorno in cui il suo sposo Giuseppe l'ha lasciata per sempre, al giorno della crocifissione di suo figlio Gesù e al giorno in cui si è addormentata. Giudizio: Monologo delicatissimo, molto poetico, adatto a una giovane attrice provetta. Personaggi: 17 8U, 9D. Trama: Viene presentata come una "commedia per giovani" ma è un testo anche per adulti.

Un giovane scrittore squattrinato scrive banalità pubblicitarie ma la sua massima aspirazione è quella di scrivere, e pubblicare, una commedia favolistica, e la moglie lo asseconda. Dopo poco i personaggi della favola diventano reali, e trameranno in maniera tale che il testo trovi un editore.

La commedia ha successo; i soldi a palate danno la testa al giovane autore che ne combina di tutti i colori, arrivando al punto di allontanare da sé la giovane moglie, ingenua e sprovveduta. Giudizio: Si possono trasmettere valori fondanti quali l'amore, la famiglia, l'onestà individuale mediante un testo teatrale esilarante?

E questa commedia ne è la prova. Trama: Un breve bozzetto; due giovani, per strada, carpiscono la fiducia di un'anziana. Con il pretesto del figlio bloccato in Svizzera dalla polizia elvetica, che gli ha sequestrato la moto, il cellulare e gli ha comminato una multa dalla cifra incredibile, le spillano un sacco di soldi offrendosi di andar loro a pagare. Solo quando i due malviventi se ne sono andati chiamerà il figlio al telefono, e capirà di essere stata raggirata.

Personaggi: Trama: A un Re delle favole viene predetto che la figlia, appena nata, sposerà l'umile figlio di un taglialegna anch'esso appena nato. Per evitare questa sciagura, il Re cerca di far uccidere il bambino. Non ci riuscirà e, naturalmente, per una serie di circostanze i due si sposeranno davvero e il Re cattivo sarà costretto per sempre fare il barcaiolo che traghetta le gente da una parte all'altra di un fiume.

Epoca: Milano, oggi. Scenografia: SSalotto di una casa borghese. Trama: Piccola storia di un rapporto tra due genitori quarantenni e la figlia non ancora diciottenne che, per una telefonata ascoltata parzialmente, loro credono incinta.

Situazione non più da scandalo, ma che mette a soqquadro il regolare andamento della famiglia per bene. Sorpresa finale: quella incinta è la mamma. Giudizio: Il dialetto milanese rende la commedia di Luciano Lunghi ancora più divertente.

Trama: Sono le vicende surreali di due paesi immaginari, il Regno di Borgosole e l'Isola di Buiopesto. Il primo è governato dal re Orazio di Borgosole, la cui famiglia, ormai da generazioni, detiene l'incarico di accendere e spegnere il sole e la seconda da re Tardonio, un sovrano poco incline al ruolo di governatore e più interessato a fare il giocherellone; ma il suo regno, l'Isola di Buiopesto, è afflitto da un tremendo sortilegio, per cui tutti gli abitanti sono costretti a non esporsi ai raggi del sole, pena la metamorfosi in insetti.

Finale liberatorio. Giudizio: Favola agile e leggera con qualche garbata critica alla realtà. Personaggi: 1 1U. Trama: Monologo in cui il Protagonista è un uomo travolto dalla disperata condizione del figlio, ormai consunto da una malattia senza speranza e che da tempo soffre tutto il male possibile. Senza alcuna fede, egli varca la porta di un antico oratorio, nel quale secoli prima è avvenuto un fatto miracoloso, per chiedere che la sua creatura soccomba o guarisca.

L'uomo si umilia e non nasconde la propria incredulità, eppure coltiva la segreta speranza di venire ascoltato anche se non sa come né da chi. La notte di un uomo fa parte di una trilogia intitolata Tre uomini, oltre. Giudizio: Testo a tesi: la morte non vince sulla vita, anche quando sembra che tutto congiuri contro.

Genere: Adolescenti. Personaggi: 20 variabili Atti: 2. Epoca: Degli anni '70 e attuale. Scenografia: Un'aula di un liceo. Trama: Una classe di liceo degli anni '70 con studenti coinvolti politicamente, chi a destra e chi a sinistra.

Una professoressa che mostra un atteggiamento severo per tenere la disciplina e che fa leggere e commentare ai ragazzi, con profitto, due poesie di Baudelaire.

Nel secondo atto, trent'anni dopo, nella stessa classe, la medesima professoressa fa leggere le stesse poesie a giovani abulici, senza interessi, che considerano la vita solo un gioco. Giudizio: È un'analisi del mondo giovanile, con due generazioni di studenti messe a confronto. Scenografia: Un salotto moderno.

Trama: La morte in palcoscenico. La signora in nero viene per svolgere il suo lavoro ma concede un'ultima possibilità alla sua vittima: 24 ore per risolvere un enigma. Fausto chiede aiuto a un amico, esperto in rebus, enigmistica e simili.

Riuscirà nel suo intento? La commedia affronta il tema della morte, e il momento ignoto e temuto fissato dal destino è l'enigma che ci accompagna per tutta la vita. Giudizio: Black comedy con sottofondo educativo. Personaggi: 11 5U, 6D. Epoca: Milano, inizio anni ' Scenografia: Interno di una vecchia osteria sui navigli. Trama: Il titolo si traduce in: "L'osteria degli attaccabrighe".

Due genitori, vecchi proprietari dell'osteria, hanno sempre desiderato che il figlio, l'attuale proprietario, si sposasse. Come nella migliore tradizione, l'amore trionferà nel modo più naturale, e senza incantesimi. Giudizio: Commedia per divertirsi e divertire. Trama: Copione profondo e umanissimo.

Giudizio: Il tema dell'Alzheimer viene trattato con delicatezza, infondendo serenità e amore alle famiglie coinvolte. Scenografia: Casa del parroco. Trama: Adatta anche per una compagnia di giovani, è una commedia comico-brillante dai ritmi elevati, dove tutti gli attori hanno il loro spazio scenico. Un parroco sta scrivendo la predica per la domenica, ma una pletora di parrocchiani e non petulanti, carichi di problemi reali, ma spesso fantasiosi, gli rende la giornata difficile.

Giudizio: Spassoso "divertissement" adatto anche a una ricorrenza parrocchiale. Personaggi: 3 1U, 2D. Trama: Testo breve ma intenso, pieno di emozioni femminili. Noemi, donna non più giovane, ha perso marito e figlio. Ruth, la nuora, è una ragazza giovane, ingenua, che accudisce la suocera con amore.

L'ingresso in scena di Booz, vecchia fiamma di Noemi, risveglia in entrambe il sogno di una vita nuova. Ma il sogno di Noemi si spegne in un'ulteriore rinuncia; s'avvede dell'interessamento dell'uomo per Ruth e, nonostante l'atto le provochi dolore, tramerà affinché i due si innamorino e si sposino.

Per Noemi resta la solitudine e la pena della rinuncia. Giudizio: Atto unico ispirato alla vicenda biblica di Ruth. Personaggi : 2 2U. Atti : 2. Scenografia: Sulla riva di un fiume. Trama: Due uomini si incontrano sulla riva di un fiume. Sono due pescatori. Uno, Luciano, burbero, scontroso, di poche parole; l'altro, Giorgio, pasticcione e chiacchierone.

Nonostante tutto, fanno amicizia. Luciano faceva i gelati "più buoni del mondo", ma col cacao delle piantagioni africane dove si riciclano rifiuti tossici e si fanno lavorare i bambini, e Giorgio, missionario laico, che in Africa ha perso suo figlio per colpa del primo e per questo vuole ucciderlo Giudizio: All'interno di una commedia, in gran parte brillante, si inserisce un dramma sociale con temi di grande attualità.

Trama: Un'anziana signora rilegge una lettera scritta pochi giorni prima a un'amica che l'ha lasciata. Solo alla fine del monologo si apprende che l'amica che ha condiviso con lei tanti giorni è una cagnolina. Giudizio: Testo molto poetico, in dialetto milanese, adatto a un'attrice provetta. Trama: Breve racconto della Genesi e della nascita di Gesù. Giudizio: Testo molto poetico, adatto a bambini delle prime classi delle elementari.

Genere: Giovani. Personaggi: 13 7U, 6D Atti: 3.

Epoca: Fine anni '20 in America. Scenografia: Sala di un night club primo e terzo atto e una profumeria secondo atto. Trama: Nella Detroit del Frank Lo Gatto, capo di una banda di gangster, se la deve vedere con un tenente di polizia un po' imbranato, due suoi scagnozzi ancora più maldestri, una cantante, Miele, che vorrebbe essere tenuta un po' più in considerazione e, soprattutto, con Joe Gardenia, che gli contende il possesso del territorio.

Ne succedono di tutti i colori. Giudizio: Testo adatto a una compagnia di giovani che la recitino con un ritmo vivace. Personaggi: 13 7 U, 6 D Atti: 2. Epoca: Durante la guerra dei Cento anni.

Personaggi: 15 10U, 5D. Trama: Il protagonista, "el Gregori", è un industrialotto titolare di un'azienda di pulizie, che sfrutta i suoi dipendenti, è ossessionato dai soldi ma è tutto sommato di buon cuore. Muore improvvisamente, e si ritrova al cospetto di san Pietro che gli fa scontare in modo originale le sue colpe. Giudizio: Commedia piuttosto surreale con conclusione in Paradiso. Epoca: dell'unità d'Italia.

E quasi tutti impegnati a sfoderare canzoni, costruite su musiche di grande presa e arcinote, quindi facilmente memorizzabili. Alla vicenda garibaldina si intreccia anche quella d'amore. Giudizio: Un buon testo per ricordare in una forma simpatica la storia del nostro paese. Rachele, la moglie di Simon Pietro, dopo la Crocifissione di Gesù, tenta, anzi pretende, di riportare a casa il marito e padre dei suoi figli; col ritorno alla serenità della famiglia, alle amicizie, alla pesca, invece di restare in quel gruppo di sbandati, senza guida e senza meta.

Giudizio: Testo ricco di suggestioni, in cui viene messa in risalto la Parola. Personaggi: 3D. Scenografia: Cimitero di un piccolo paese.

Trama: Un "corto" teatrale che vede tre donnette al cimitero dialogare con le foto dei rispettivi mariti. Dal ricordo dei defunti, le tre passano ai pettegolezzi, in un crescendo spassoso. Giudizio: Un piccolo "divertissement" tratto da fatti realmente accaduti. Epoca: Varia. Scenografia: Semplice descritta dall'autore. Trama: Il testo presenta un duplice Gesù, affidato a due attori diversi: quello tratto dal Vangelo e un altro che si domanda chi egli sia, esattamente come farebbe un uomo che si trova addosso un compito e una vicenda che stenta a comprendere.

In quanto uomo, si rivela fragile, timoroso, dubbioso. Ha paura di non essere all'altezza del mandato messianico del Padre, sembra non avvertire la forza che gli viene data dallo Spirito Santo, soffre la solitudine, ha paura della morte. Non sembra rendersi conto della sua divinità, e quindi della capacità di portare a termine la sua missione.

Sono gli altri a ricordarglielo, in particolare lo Spirito Santo e il Padre stesso, che lo sfida a fare una "scommessa". Nell'azione, con il Gesù esitante a colloquio con vari interlocutori il Battista, lo Spirito, Pilato, Giuda, Maria, il Padre si inseriscono anche altre vicende Romano e Giulia con il sacco di Alarico, le donne nel gulag che portano in evidenza il tema del "dov'è Dio" di fronte alle guerre, alle stragi, agli orrori.

Dubbio che accompagna la fede come l'ombra la luce, ma è la luce che fa vedere, capire, decidere. Personaggi: 2 1U, 1 ragazzina. Scenografia: Scena vuota. Trama: Padre e figlia sono impegnati in una gita in montagna; due settimane di vacanza da trascorrere assieme. Dal dialogo si comprende che i genitori sono separati e la figlia, curiosa, vuole sapere se il padre si sta rifacendo una vita.

Giudizio: Dialogo intenso, drammatico, tra un padre e una figlia. Personaggi: 12 4U, 8D. Scenografia: Interno di un bar. Trama: Le disavventure di una compagnia teatrale amatoriale. Giudizio: Commedia chiara e pulita, condita di umorismo e simpatia. Personaggi: 3 2U, 1D. Scenografia: La stanza di un carcere. Trama: Nella stanza di un carcere una giovane giornalista sta intervistando un brigatista condannato all'ergastolo per l'uccisione di un giudice, uno dei tanti delitti che hanno contrassegnato i cosiddetti anni di piombo.

Nella ricostruzione del percorso che ha portato a quel tragico evento l'intervista si trasforma in un intenso confronto tra due vite segnate dal medesimo fatto di sangue, e di due anime incapaci l'una di arrivare al pentimento, l'altra di concedere il perdono.

Giudizio: Rivisitazione di una parabola del Vangelo in chiave moderna. Musiche di Schiavone Rocco e Vergnaghi Martino. Scenografia: Complessa. Trama: Un naufragio su un'isola deserta, un gruppo di giovani e un misterioso viaggiatore.

I ragazzi scherzano, amano, litigano; sono coinvolti nei piccoli-grandi drammi che minano l'esistenza quotidiana: l'incomprensione, la bramosia, la gelosia, la prepotenza ai danni dei più deboli.

Ma a questi mali dell'anima non si arrende il misterioso viaggiatore. Giudizio: Richiamo biblico con linguaggio moderno. Musiche di Egidio Minorini e Marco Palermo. Genere: Musicale drammatico. Atti: 2, più un prologo e un epilogo. Trama: Yulu, un giovane ragazzo del Congo, ha un fratello più piccolo che viene brutalmente sfruttato in una miniera da cui si estrae il Coltan.

Per sottrarlo a quella condizione disumana tenta di liberarlo e di fuggire verso sud. Lungo il tragitto, in una missione di Padri Saveriani, i due giovani incontrano una ragazza di nome Benine Mbuete. Anche lei è una fuggitiva poiché la famiglia, dopo che lei ha subito violenza, la ripudia lasciandole come unica alternativa la prostituzione. I tre ragazzi, a seguito di un violento massacro nella missione, decidono di cambiare itinerario tentando la fuga verso nord.

Ma vi giungeranno tutti sani e salvi? O qualcuno morirà lungo il tragitto nella speranza di veder realizzato il proprio sogno?. Giudizio: Testo impegnativo ma attualissimo. Nato dal susseguirsi dei tragici avvenimenti riguardanti gli sbarchi a Lampedusa, sviluppa il tema del desiderio di trovare una stella che conduca i protagonisti a una vita diversa, migliore. Personaggi: 2 2U , voci integrative delle vicende Atti: 4 episodi. Trama: Quattro momenti della vita di un sacerdote: la scoperta della vocazione, le tentazioni, i problemi umani e spirituali di un confratello, l'unione intensa con la mamma.

EOSMsg: il nuovo contascatti gratuito per la tua Canon!

Giudizio: Testo profondo, adatto ad anniversari sacerdotali. Elaborazione in dialetto milanese di Callegaro Pietro. Trama: Olimpia, sui cinquant'anni, vestita a lutto, ricorda il marito, Amedeo, morto da poco in un incidente di macchina.

Amedeo era un buono a nulla, scansafatiche, che l'aveva lasciata per mettersi con una donna più giovane e ricca che gli aveva intestato tutti i suoi beni. Giudizio: Monologo in dialetto milanese adatto a un'attrice provetta.

Trama: La storia si svolge in una grande città alla fine degli anni Settanta, nel periodo di grande successo del cantante spagnolo Julio Iglesias. Oscar e Margherita sono una coppia di fidanzati in crisi; lei è l'addetta stampa italiana del cantante, lui è un giovane chirurgo rampante preso tutto dalla sua carriera.

Stufa, Margherita rompe con Oscar. Entrano in scena altri personaggi: Guido, bravissimo ragazzo, fratello di Oscar, Irene una sua amica, innamorata di lui, il chirurgo capo di Oscar, professor Guardalà, la padrona della clinica, Scotti Barabani, sfegatata fan di Iglesias, e una ragazza, Alice, che per colpa di una botta in testa ha perso la memoria. Personaggi: 13 6U, 7D. Scenografia: Parco pubblico con un paio di panchine. Da quando? Fermano una giovane, le raccontano di aver vinto alla lotteria.

E tanti! Giudizio: Commedia brillante, che incuriosisce e diverte. Personaggi: 3. Epoca: Primo secolo dopo Cristo. Trama: Tre episodi della vicenda di san Paolo. Il primo, Saulo, vede la corsa dell'ebreo da Gerusalemme a Damasco e l'incontro con Gesù che fissa il suo destino. Il secondo, Areopago, riprende l'episodio di Paolo al Dio ignoto davanti ai saggi di Atene. Se sei su Mac potresti provare RawMagic. I know it is tempting to write in your native language here, but please show understanding for those who don't understand it.

Someone else might have a similar issue, but won't be able to understand the solution presented here. And that is what it is all about.

Yes, sorry. I was asking him if he tried to convert. RAW files with another program, f. I found out the right raw-to-dng prog so now I 'm able to work on raw files.

I've some more question for you, but I'll create a new post. A 8bpc lavori con valori interi e l'arrotondamento rovina molto il materiale. Te ne accorgi perche' gli istogrammi assumono quella forma "a pettine" piena di buchi, mentre a 32bpc le informazioni colore sono distribuite uniformemente.

Pero', crash a parte, mi sta venendo un dubbio. Se guardi il video della D con Quicktime Player e caricando il mov puro dentro a Vegas senza nessuna correzione del colore , i colori sono gli stessi?

E anche il contrasto? Oppure appare sbiadita in Vegas? Prova a vedere se in Vegas c'e' un'opzione per scalare il range quando importi il video di solito e' indicata con una coppia di valori: o un modo per impostare il profilo colore del file in ingresso che deve essere sRGB per la D. Sto andando alla cieca, sia chiaro, ma il fatto che il problema nasca con il gamma e' un indizio.

Potrebbe darsi che le operazioni non tengano conto del gamma nativo della ripresa che e' di circa 2. Sono proprio curioso di capire cosa causa questo problema.

Spero che riusciremo a venirne a capo, prima del esimo commento. Ho letto tutto il post e devo farti i complimenti. E' molto esaustivo e ricco di preziosi contenuti. Sarei intenzionato a prendere la D ma mi sorge un dubbio. Beh io invece sarei proprio un novello alle prime esperienze.

Per questo vorrei sapere se secondo te la D va bene anche solamente per fare delle riprese per esempio durante dei viaggi o se sarebbe scomoda. Non vorrei comprare una videocamera oltre alla fotocamera per non dovermi sempre portare dietro entrambe. Ogni tanto capita come anni fa con la Canon HV20, e ancora prima con la Panasonic GS che una macchina consumer sia cosi' buona da attrarre anche un segmento "pro".

Pero' considera che questo post si chiama "cinema digitale a basso costo" Consiglio: se pensi che terrai la macchina prevalentemente in modalita' automatica, credo che una comoda videocamera che scatta anche foto ad alta risoluzione sia molto meglio della D. Se invece vuoi fare riprese "creative", "studiate", e anche portartela in vacanza Ma non posso dire che sia il massimo della comodita' per riprendere tua moglie davanti alle piramidi. Grazie per il commento e le parole gentili! Per questo motivo Lo so, non è il post giusto forse..

La mail personale credo tu la possa visualizzare.. Grazie ancora, a presto. A me tendenzialmente piace più fare foto e quindi avevo pensato di comprare una buona macchina fotografica che all'occorrenza potesse fare anche dei buoni video magari in full HD. Per questo avevo pensato ad una D.

A questo punto vorrei chiederti un'altra cosa. Hai detto che non è il massimo della comodità per riprendere tua moglie davanti alle piramidi. Con questo intendi che è complicato per esempio mettere a fuoco manualmente oppure che è in generale complicato fare dei video se non con scene pianificate dove forse la D rende al meglio?

Per quanto riguarda le impostazioni vorrei imparare a non utilizzarla in automatico sia per le foto che per i video. Ho confrontato un file MOV della D visto con Quicktime e visto nella preview a piena risoluzione di Vegas e almeno ad occhio nudo non riesco a rilevare nessuna differenza. Non ho trovato nessuna opzione che mi permetta di variare il RANGE e comunque quelle cubettature delle nuvole che ho trovato nel file M2T restano presenti in maniera molto più lieve anche in altri files MOV visti con il player Quicktime per il picture style editor ho usato il Superflat e quello standard di fabbrica ma in entrambi i casi i cubetti restano In giro per il web ho letto di altri utenti della D che hanno riscontrato artefatti simili e che ritengono siano da attribuirsi al basso bitrate del codec H, e che per questo consigliano di ricorrere a denoisers per attenuarli.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensi al riguardo. Ispirato anche dalla foto della tua macchina equipaggiata con il microfono a baionetta, ho ordinato un microfono esterno Rode Videomic dotato di slitta che vorrei utilizzare per interviste e per catturare suoni ambientali durante le riprese con una qualità migliore di quella del microfono interno che in sè non è malvagio ma ha, tra gli altri, il difetto di registrare anche i suoni dei componenti interni della EOS.

Da più parti leggo dei problemi legati al AGC impostato su queste DSRL che con l'uso di un microfono esterno andrebbe ad aumentare il fruscio di fondo durante la registrazione del parlato e distorcerebbe i suoni ambientali. Qualcuno si è persino inventato un sistema cervellotico per "ingannare" l'AGC con un adattatore e un lettore mp3 che dovrebbe mandare un segnale costante su un canale per disabilitare il gain automatico sul secondo, che andrebbe quindi duplicato in post per riottenere l'audio stereo privo di fruscii e distorsioni.

A dire il vero un simile accorgimento iin termini pratici mi porterebbe a rinunciare completamente all'uso dell'audio per via della sua estrema scomodità in fase di ripresa e in post produzione. Qualcun altro invece ha ritoccato il codice del firmware introducendo un indicatore dei livelli audio su schermo e la possibilità di disabilitare il guadagno automatico. Questa soluzione sembrerebbe essere la più indicata se non fosse che la procedura di installazione del firmware non è delle più semplici e secondo alcuni utenti che l'hanno provato la versione attualmente reperibile non è esente da imperfezioni e potrebbe anche danneggiare la macchina anche se finora non vengono riportati casi di reflex annientate da firmware faidate.

Esiste anche una petizione on line per chiedere alla Canon di rilasciare un firmware ufficiale che risolvi questo handicap ma tutto lascia pensare che la compagnia sia troppo occupata a sfornare nuovi modelli per trovare il tempo di correggere simili sbavature nei vecchi davvero grossolano tra l'altro visto che in tutte le schede tecniche si esalta il fatto che la macchina sia provvista di un entrata per microfono per renderla più professionale!

Volevo quindi sapere da te come ti sei trovato con il microfono mostrato nella foto dell'articolo e quale soluzione audio hai utlizzato. Molti consigliano di dotarsi di un registratore digitale come le Zoom H2 e sincronizzare la traccia audio in post sinceramente per costi e qualità quegli apparecchi non mi attirano per nulla.

Credi che con un buon programma per la rimozione dei fruscii si possa ottenere un risultato accettabile? O sto letteralmente buttando i miei soldi dalla finestra con questo Rode?

Max torna presto su questi schermi ma per questo ti rispondo io. Questo significa che dopo aver speso i soldi per il Rode lo colleghi alla videocamera senza la possibilità di controllare manualmente il guadagno e potresti ritrovarti con registrazioni di qualità scadente. Con quel microfono non so quanto scadenti, forse saranno perfette, ma ho paura di no.

A questo proposito, ti posto un esempio su cui stavo lavorando, in cui ho analizzato tre situazioni diverse: nella prima ho usato il setup descritto nel post e nei commenti: un Rode NTG-1 collegato al Tascam DR; nella seconda hai la stessa registrazione, sempre usando Rode e Tascam, ma l'audio dal Tascam passa all'ingresso dalla D: ti accorgerai che la qualità è nettamente inferiore, il chiaroscuro della mia voce è scomparso e l'audio è distorto perché è entrato in gioco il guadagno automatico con clip e rumore al massimo.

Infine ho registrato la mia voce con un microfono da pc collegato alla D: anche in questo caso, ovviamente, il risultato è mediocre, ma non è poi molto lontano da quello ottenuto con il setup ben più costoso: tascam e rode circa euro, il microfono della terza prova costa 5 euro. Le forme d'onda mostrano il clip e gli spettrogrammi il rumore Non sono euro buttati per colpa dal guadagno automatico, chi compra la D prende quel tipo di microfono da 5 o 50 euro, che nell'audio sono la stessa cosa, e la macchina è fatta per fare il possibile per far sentire al meglio quel tipo di microfono consumer.

Senza il guadagno automatico il microfono della terza prova non lo senti neanche. In sintesi, ti consiglierei di registrare servendoti di un registratore digitale esterno come detto da Max nel post, se ne ha bisogno, almeno per produzioni di livello commerciale, anche con macchine molto più costose della Oppure di provare la via più lunga del fischio su uno dei canali per disabilitare il gain automatico.

Da quando ne avevo parlato con Eros in un commento, lo ho provato e funziona benissimo, il disturbo è impercettibile e lavori più facilmente che se usi un recorder audio e devi sincronizzare le tracce col ciak.

Con questa tecnica spendi zero e hai un buon audio. Adesso scrivo un piccolo tutorial su come funziona. Infine, un ultimo suggerimento: la riduzione del rumore in post, per quanto possibile, è un procedimento invasivo, che comunque distorce il segnale di partenza. Se vuoi un master audio di buona qualità ti consiglio di farci poco affidamento e di puntare tutto sulla registrazione di audio senza noise.

Facci sapere come va il microfono, penso che in tanti abbiano le stesse perplessità!

Fotocamera digitale canon in Fotografia

Sono ansioso di leggere il tutorial sulla tecnica del "fischio" si tratta di una variante di quella basata sull'uso del lettore MP3? Sono attualmente tentato dal firmware modificato che mi consentirebbe di disabilitare in maniera permanente il gain automatico, anche perchè ho scoperto che la modifica è comunque reversibile.

L'uso dello Zoom H1 dunque avrebbe senso solo se collegato ad un microfono esterno come il Rode, ma questo mi porterebbe a duplicare le spese, ad aumentare il numero di apparecchiature e riproporre il problema del sync in post produzione.

Il tutto mi riporta di nuovo a preferire il Magic Lantern. Premesso che il discorso è abbastanza articolato soprattutto dall'avvento del digitale. Diciamo che buona parte degli obiettivi di classe medio-alta sono ancora ottiche studiate per la fotografia Oppure delle vie di mezzo tra lo zoom e l'angolo con una ''decente'' illuminazione e stabilizzati se è possibile.. Messa a fuoco video DSLR difficile. Dipende da apertura diaframma?

Volevo poi porgerti una domanda riguardo all'apertura del diaframma in fase di riprese video. Vale la stessa regola che si utilizza per le foto, vale a dire se chiudo ottengo maggiore profondità di campo?. Girare a f8 o f10, laddove le condizioni di luce lo consentano, utilizzando un obiettivo grandangolare aiuta a mantenere a fuoco la gran parte dei soggetti ripresi? Ti chiedo questo perché la parte più ostica dei video che finora ho girato con la d è stata proprio la perfetta messa a fuoco di soggetti in movimento.

Un saluto a te e a tutte le persone che sono intervenute in questa interessante discussione. Ricordando che la profondità di campo in realtà è una sorta di convenzione. Quello che determina la profondità di campo è il "cerchio di confusione": diciamo che un "poco prima" e un "poco dopo" il piano di fuoco i raggi creano dei cerchi sufficiente piccoli da creare, per l'occhio umano, la senzazione di "ancora a fuoco". La mia macchina è montata sun un microscopio ed è senza obiettivo. Per il resto tutto funziona alla grande Grazie in anticipo ps mi sto anche convincendo nella scelta della nuova Panasonic Lumix Gh2 che per riprese sembra più funzionale anche se ha meno pixel peccato pure che non fà il 25f.

Questo blog è veramente illuminante per me grazie a tutti. Ora la domanda sostanziale è: che tipo di ottiche posso ottimizzare per riprese video con look cinematografico ho visto queste configurazioni su adcom ma vorrei un consiglio da qualcuno che ne capisca di più sul modo reflex video, ho visto un test su un ottica tamron sembra buono. E' vero che il mio budjet mi permetterebbe anche l'acquisto di una canon 7d ma io considero anche gli accessori utili per una mini troupe in svariate condizioni quindi mi serve corpo macchina, almeno due ottiche per p.

Avresti un bel equivalente, buono come medio grandangolare e più che sufficiente come medio tele. Nuovo costa, vero, ma per tua fortuna è molto facile trovarlo usato. E' un gran. Hai Qualche altro obbiettivo da consigliarrmi sulla cifra di euro circa che abbia caratteristiche simili? Grazie infinitamente per la tua disponibilita.. Per rispondere bene alle altre questioni sto scrivendo una piccola guida ai microfoni, ma come indicato nel post e nei commenti secondo me i registratori all-in-one, purché con l'ingresso XLR, sono la cosa migliore.

Per tutti i commenti in sospeso: Max ritorna presto! A Makott volevo dire che ho visto dei video test anche su obbiettivi 50mm, per la canon d niente male! Se tu immagini il tuo lavoro con la tipo: irrinunciabile treppiedi, una buona testa video, un buon paraluce e tempo per pensare e girare Tuttavia potresti dare una occhiata in casa Sigma con lo zoom standard mm F2. La focale 70mm è ancora buona, su aps-c, per ritratti non stretti. Il Canon usato lo potresti trovare intorno a euro.

Come ti dissi sono un videomaker più dedito alla regia. Ho sempre lavorato con camere digitali e quando c'era la possibiltà con un direttore della fotografia, quindi le mie preoccupazioni in un set erano ben altre.. Preferisco avere un minimo di attrezzatura personale per far fronte anche a piccole produzioni, e per me il video reflex è un mondo nuovo ma molto affascinante, quindi sono in crisi sul giusto acquisto di reflex che dovrei fare.

Order confirmation

Considerato che hai il monitor LCD regolabile, quindi utile per le riprese in esterna ed altro, audio regolabile manualmente, qualita d'immagine tra la d e la 7d, arriviamo al prezzo Grazie a voi tutti del blog, da oggi siete i miei guru sulle video reflex. Quantomeno al minimo ti risparmi ore, per nulla creative, di postproduzione impegnate per rimediare a fondi di bottiglia.

Credi che, a maggior ragione con reflex video, sia meglio girare con una 5d markII a mano o con una su treppiedi e testa Vinten di fascia alta?

Le ottiche sigma sono di qualità da medio a medio alta , non sono fondi di bottiglia. Soffrono di un controllo qualità non eccelso: due esemplari diversi dello stesso obiettivo possono avere una resa abbastanza diversa. Sulle ottiche Tamron che mi dici?

A gennaio dovrei iniziare un nuovo vdeoclip indipendente - ed un trailer per un progetto di lungometraggio, location: interni cantine vinicole ed esterni campagne della Sicilia spero con la mia nuova d. Grazie Guru Mario! Macchine come la 7D ma anche altre hanno una funzione di tuning proprio per questo problema.

Lo zoom è un buon tuttofare. Per l'audio aspetta che ti risponda Susanna , su quel terreno passo la mano. Help me spero che ShyFox abbia qualche dritta per l'audio grazie sempre Gurus Grazie davvero infinitamente questo blog è davvero utile e siete veramente profesionali nella prontezza e nelle risposte.

Grazie a tutti per i tanti commenti rispondo al volo a un paio di questioni. Freddy: per gli obiettivi ti ha risposto Makott meglio di quanto potessi fare io. Il concetto base e': la fotocamera tra un anno e' obsoleta. L'obiettivo mantiene il suo valore.

Quindi tra D e 60D non c'e' secondo me storia: meglio la D. Con quello che risparmi, spendi su ottica e sezione audio seria. Per l'obiettivo assicurati che sia stabilizzato Per iniziare comunque anche il deprecato kit non e' male, e' meglio di quello che trovi su telecamera semipro da euro Non mi e' del tutto chiaro cosa intendi con il fatto che non cambia solo la focale equivalente nel sensore crop a meno che non intendessi l'altra osservazione che hai fatto: che nelle crop usiamo lo sweet spot centrale delle lenti.

A meno che i microbi non abbiano facce, il rettangolo scompare. Per il mio omonimo Massimiliano, in particolare: la fisica ottica come dice Makott e' la stessa. E' solo che sei abituato a sensori piccoli dove l'area di fuoco accettabile e' piu' gestibile.

Qualcuno, tanti commenti fa, ha menzionato che si usa una telecamera per i campi lunghi e le riprese di dettagli a alta frequenza, e una fotocamera reflex per i primi piani e le riprese con look soffice da cinema. Avendone la possibilita' e' la via migliore. Eviti anche i problemi di line skipping. MariaTeresa: Arrivata la D? Impressioni rispetto alla 7d? RollingVideo: E il videomic?

Ho revisionato anche parte del discorso audio dietro minaccia di Susanna. Ma tutto dipende da quello che fai, in uno dei tuoi commenti menzionavi diversi tipi di situazione, dal corto pianificato a un uso piu' da battaglia. Per tutti gli altri commenti Spero che la revisione del post dia una risposta. Grazie per la partecipazione!

In effetti è meglio puntare su una buona ottica o per iniziare anche con kitt e poi investire su un ottica buona. Va bene una d considerato che siamo in un periodo di transizione come fù per l'avvento del mini DV, stanno già uscendo modelli di video camere reflex o pseudo.. Grazie a tutti Sigfrido. Ho letto la tua revisione a dicembre tutto chiaro Grazie Massimiliano siete fantastici rettangolo cattivo!

Ho provato a fare come mi hai suggerito ma non riesco a risolvere il problema. Il display lcd della macchina mostra sempre "m focus". Ho letto su altri forum che forse è importante lo switch da MF a AF sull'obiettivo. Potresti darmi informazioni più dettagliate? Per quanto riguarda la questione audio ho deciso di temporeggiare e per il momento mi sto dedicando solo alla produzione video potendo comunque occuparmi della traccia audio in post produzione catturata con il mic della minDV.

L'acquisto del Rode videomic quindi per il momento è rimandato a una prossima data. Tuttavia in giro sul web leggo che non sia possibile caricare il ML da una SD card di capacità superiore a 4Gb, costringendo di conseguenza a registrare non più di 6 minuti video in HD anche la procedura per disabilitare il ML per tornare al firmware ufficiale non è molto chiara.

Grazie di nuovo di tutto e buon lavoro! La 60D ha il modo face detection, no? Assumendo che abbia gli stessi menu delle altre EOS, vai in modo video, scegli dal menu AF mode e dalla tendina selezioni il secondo Live Mode, quello con una faccina davanti che effettua il riconoscimento dei volti nella scena. Se non hai volti, non compare nessun rettangolo nell'uscita HDMI.

Mi viene il dubbio che se non c'e' una lente collegata non funzioni, questo non l'ho mai provato. Invece posso garantire che attivare o disattivare l'autofocus sulla lente non serve a nulla.

Solo il face detection disattiva il rettangolo. Spero risolva, anche perche' la tecnica scomoda e' basata su questo, solo che consente di riprendere anche degli attori dotati di faccia il che e' utile. Per il magic lantern: leggo gli sviluppi ma personalmente sono scettico sull'affidabilita' di queste soluzioni.

Mi affascinano, ma Pensa a quello che e' successo con l'hack del firmware della Panasonic GH1 che era stata la mia scelta prima della D e prima di vederne le effettive prestazioni in video : per un attimo e' stata una macchina favolosa, grazie al firmware modificato, poi Panasonic ne ha bloccato la possibilita' di modifica e il flusso di lavoro di molti ne ha risentito.

Per questo non ho mai fatto riferimenti a ML nel post. E' un po' come l'overclock dei computer: sembra una ottima idea, magari lo e', ma non puoi farci affidamento. Detto questo mi smentisco subito: installerei immediatamente Magic Lantern se mi desse un segnale full HD fuori dalla porta HDMI ma tanto questo e' un sogno. Per quanto ne so il limite dei 4GB e' relativo al software che permette di fare il boot delle SD.

Su Mac non hai problemi, su pc alle volte devi ricorrere a un'altra procedura, cardtricks non le rende avviabili. Sempre documentata nel wiki di ML. Credo sia sempre legato al fatto che vengono formattate in Fat32, cioe' lo stesso motivo per cui il limite dei file e' di 4GB. Grazie a te per il contributo, e se scegli la via di ML, facci sapere come va, per favore.

Usare una DSLR come videocamera delle vacanze? Ti ripropongo il post al quale non hai risposto perchè con tutto quello che c'era da leggere forse lo hai saltato. Sono apprezzate anche risposte da chi ne sa più di me. Scusa, pensavo di aver risposto a tutti e invece mi ero perso proprio le piramidi. Si', e' un po' scomoda rispetto a una videocamera tradizionale.

Non e' complicato lavorare manualmente, ma automaticamente. Tipo: l'autofocus non e' al volo come nelle microtelecamere di oggi, che in una frazione di secondo mettono qualsiasi cosa a fuoco.

Pero' visto che tu cerchi una macchina fotografica e in questo e' buona e vuoi fare lavori piu' sofisticati e in questo eccelle , allora penso sia una buona scelta rassegnandosi al fatto che in vacanza non e' "punta e clicca". Sperodi esserti stato utile credo che pero' dovresti provarla , se puoi, per vedere se risponde alle tue esigenze. Braccio sinistro appoggiato al tronco e mano aperta con palmo in alto vedo ancora oggi persone che sorreggono e manovrano l'ottica da sopra con la mano a che sembra la testa di un escavatore a sorreggere l'ottica, pollice e indice per focheggiare, pollice e medio per la ghiera diaframmi, quando esisteva.

Riusciresti a fare una ripresa video decente in queste condizioni? Tutto sommato da quello che si dice qui e da varie recensioni che ho letto è un'ottima macchina fotografica e visto che una ne dovrei comprare mi piacerebbe prendere la D che in più fa anche degli ottimi video.

Per essere sfruttata bene in questa direzione necessità, secondo me, di strumenti di ausilio indispensabili: supporti a spalla, treppiedi ecc.

Questo blog è dedicato alla produzione professionale o comunque con ambizioni professionali. Io parlo entusiasticamente delle DSLR, perché permettono di fare cose che due anni fa richiedevano spese esorbitanti.

Ho clienti sia di consulenza che studenti che hanno usato le D per girare cose passate in pubblicità da prima serata nazionale o in video industrial di aziende da milioni di euro di fatturato.

Ma c'era comunque una troupe dietro, tanta pianificazione e tanta post produzione. Quindi ripeto Adesso invece sono di nuovo alle prese con problemi di scarsa luminosità nella ripresa video.

Fin quando si tratta di riprese in esterno con luce naturale diurna non ci sono problemi di rumore a parte quelle pixelosità del cielo a cui accennavo in altri interventi ma che sono passabili. Oggi ho fatto decine di prove di riprese in interno con luce solare proveniente da una finestra, e due fonti di luce artificiale aggiuntiva dipsoste a diverse distanze.

L'immagine è fortemente sottoesposta e anche intervenendo in post con gamma, contrast, levels e quent'altro il rumore è sempre in agguato e, anzi, aumenta fino a rovinare completamente l'immagine che sembra peggiore di quella ripresa da un telefonino. La granulosità è presente anche alzando a ISO ma sembra meno invasiva rispetto a quella prodotta in post.

Sopra gli il colore è più vivo ma il formicolio della grana comincia ad invadere tutto. Lasciamo perdere da in su o l'ISO automatico. Non so se tenere per buona la ripresa a ISO visto che per quanto avvicini la luce all'oggetto l'immagine ripresa a risulta sempre scura come la pece. E' possibile che abbia dimenticato di modificare qualche altro preset? Per quanto poco luminoso l'obiettivo KIt dovrebbe essere in grado di restituire una qualità migliore di questa, altrimenti avresti dovuto scrivere nella recensione che per usarla in interno occorrono dei fari da teatro di posa.

Spero di ricevere presto tue considerazioni al riguardo. Posso consigliarti di curare "molto" la ripresa come condizioni di luce, NON esiste post produzione che tenga o comunque significa sprecare molte ore di lavoro. Troppi sono convinti, per esempio, che " tanto dopo in photoshop Mi sono risparmiato parecchie righe. Per la questione rumore, pero', temo che a parole non sia facile capire la situazione, Rolling.

Nel senso che quello che a me sembra un rumore accettabile, magari per te e' atroce. Quindi ho fatto una ripresa con l'obiettivo kit e le impostazioni descritte nel post. Oggi e' l'8 dicembre auguri a tutti! E adesso senza ulteriori indugi, a voi signore e signori i fantasmini danzanti!

Nota Bene: questo è un test in condizioni di forte sottoesposizione - non è indicativo della qualità di fotocamera e obiettivo. E' potabile la ripresa considerando le condizioni di ripresa. All'amico Rolling ricordiamo che, in tema di rumore, questo si evidenzia soprattutto nelle ombre o meglio con bassi livelli di illuminamento. Per questo prima ti suggerivo di provare a lavorare sempre nelle migliori condizioni di luce possibile, in questo caso quantità di luce si sposa con qualità.

Guardando il test video di Max e leggendo le considerazioni di Makott mi sono reso conto di aver trascurato nelle mie prove il valore dell'apertura, anche perchè smanettando sempre con ISO e Shutter avevo dimenticato come regolarla in modalità video ossia tenendo premuto il tasto Av e agendo sulla ghiera. Sapevo già di aver mancato di regolare un impostazione ma non sono riuscito a venirne a capo fino a che non ho riconsultato il libretto delle istruzioni per capire come modificare l'apertura.

Chiedo venia Max , ma potresti spiegarmi meglio come hai aggiunto 4 stop in post? Grazie di nuovo e con molta umiltà per la vostra consulenza iper-professionale. Direi buona.

Certo non sono un esperto ma ho visto di peggio Pero' ora che mi ci fai pensare, tra fantasmi-barbapapa', musica e candeliere Susanna Mi sono scordato i titoli di coda, eh? Rimedio subito: musiche composte e orchestrate da Susanna Quagliariello. RollingVideo: E' normalissimo dimenticarsi una cosa, specialmente quando si e' tutti presi a risolvere un problema.

Tra un po' sara' un'abitudine. Uno stop rappresenta un radoppio nell' intensita' di luce. Ma puoi farlo anche con i livelli, in modo meno intuitivo. Questo pero' funziona correttamente solo se lavori in uno spazio colore lineare e a 32bit per canale.

Se lavori sul girato sRGB, funziona lo stesso ma in modo impreciso e hai molta meno latitudine, in questo caso ti conviene andare a occhio riducendo IN white finche' il risultato si mantiene accettabile.

Faber: Grazie per l'opinione! In effetti finora tendevo sempre a lavorare ad occhio con Gamma, anche perchè la preview a piena risoluzione mi aiutava rendermi conto in tempo reale del risultato sono costretto a lavorare in 8 bit perchè a 32 il pc procede a singhiozzi e il rendering va invariabilmente in crash. Hai detto che la ripresa senza i ritocchi è scura ma quanto è scura? Ho anche il canon 50mm a ottica fissa ma è un poco scomodo senza zoom e se posso farne a meno Complimenti per come amministrate tutto e grazie!

Personalmente vedrei di risolvere il problema del crash. Che il software rallenti e' comprensibile, ma che vada in crash no. Magari e' solo un conflitto di driver, e c'e' un abisso tra postprodurre a 8bpc sRGB e 32bpc lineare. Lo dico perche' se trovi irritante il rumore della D, dovresti trovare molto piu' irritante la correzione del colore fatta in sRGB o applicando a un video gia' gammato una funzione come gamma. Purtroppo ancora oggi ci sono libri, manuali e insegnanti che dicono che gamma serve a schiarire o scurire i mezzitoni dell'immagine.

Eppure gia' nel Alvy Ray Smith co-fondatore di Pixar e direttore della divisione computer grafica della Lucasfilm Come oggi, fortunatamente, avviene.

Ma per rispondere alla tua domanda, sul monitor dovresti notare il massimo del rumore perche' guardi il video originale e da vicino. Su una tv vedrai la versione spianata dal codec, e in piu' a maggiore distanza. Quindi noterai molta meno grana. Per fare un esempio, i televisori 3D -almeno i Samsung- usano rumore strutturato per aumentare la separazione delle immagini stereoscopiche.

Se ti metti a ridosso dello schermo, e' un formicolio continuo di pixel, ma gia' a 1. Franco: Grazie per l'opinione e per le parole gentili, e grazie per l'osservazione sul video "al naturale". Effettivamente non ha molto senso proporre due versioni postprodotte, anche se in modi diversi. Ho revisionato il commento e il video. Adesso trovi una versione con un denoise decente profilato e poi l'originale buio.

Se ti interessa, o interessa qualcun altro, posso mettere anche un link per scaricare il. Ma quale 50mm Canon hai? Se e' l'1. E' vero che lavorare con lenti prime quando si e' abituati allo zoom e' scomodo. Pero' considera che piu' fai zoom, minore e' l'apertura massima sull'obiettivo kit. Quindi per le riprese low light lo terrei stretto.

Come diceva Makott "garbage in, garbage out". In post puoi fare tutto, ma se hai una buona ripresa in partenza La seconda pur essendo di notte gode di un livello di illuminamento buono dovuto a potenti fari che illuminano l'edificio e quindi pur restando una foto "scura" è "pulita". Bisognerebbe vederlo come dice MAX da una TV, e sempre consigliato un montaggio video collegato anche ad una tv ,per la risoluzione i neri si ammorbisiscono e la grana è più pastosa ecc.

Makott il problema mio è se giro in un locale anche luminoso quello che vedo nel video di Max alla fine è come viene a me. Belle foto, grazie come sempre per la partecipazione! Un gamma a. Assicurati di spuntare Maximum Render Quality nelle impostazioni del progetto. Pero' non fare troppo affidamento su questo: la rimozione del rumore e' la parte critica, NeatVideo fa un lavoro spettacolare ma sempre rimozione del rumore e' -cioe' qualcosa che formalmente e' impossibile fare altrimenti si potrebbe studiare un sistema per vincere alla lotteria, sempre numeri casuali sono.

Quindi, di preferenza, piu' luce o obiettivo piu' veloce. Uso quello che serve allo scopo, e negli anni ho usato un po' tutto, Jvc, Panasonic, Canon, Sony -in base a quello che era disponibile sul mercato in quel momento. Forse Sony meno delle altre marche. Non so perche'. Di sicuro ci saranno novita' il prossimo anno, si stanno lanciando tutti sulle DSLR per il video e Panasonic ha gia' un prodotto interessantissimo con l' AG-AF ma il prezzo non rientra nella definizione di "cinema digitale a basso costo".

Il punto e': si fara' concorrenza da sola con qualcosa di piu' economico ma simile? Il fenomeno 5D Mark II, comunque, ha segnato una svolta nella produzione di contenuti digitali. Ho visto che giri in esterni Altrimenti aspetta e vediamo un po' cosa esce di nuovo. Secondo canonrumors la D e la 7D non dovrebbero essere rimpiazzate da nulla nel corso del Grazie a tutti per gli interventi e buon lavoro!

Sigfrido Giammona. Help me!! Granzie in anticipo. Se vuoi una cosa che poco costa e A rate s'intende Grazie! Al primo videoclip o corto girato con canon d vi mando un link. Il resto si puo' fare in postproduzione.

Per ottenere lo scatto perfetto

L'ND Fader che e' la soluzione che consiglio ai miei studenti e' un marchio di LightCraft Workshop, ed e' sostanzialmente una coppia di polarizzatori, che permette di variare continuamente da 2 a 8 stop l'esposizione della scena. Che due polarizzatori diventino un ND variabile l'ho imparato dal grande Eki Halkka, un veterano di Lightwave, imperdibili i suoi video musicali per Poets of the Fall che ne parlo' anni fa in un forum, ma credo che l'idea credo sia ben piu' vecchia.

Comunque l'ND Fader e' molto piu' comodo e ben calibrato rispetto alle soluzioni "fai da te". Da solo costa un centinaio di euro, ma l'immagine e' pulita, niente dominanti, e permette anche in esterni di creare effetti surreali con alta apertura in piena luce. E' importante anche in interni per chi volesse creare immagini HDR di una scena alla quale si aggiungono elementi 3D per ottenere il massimo in fase di compositing e effetti speciali - ma lo dico di sfuggita, non credo sia quello che interessa alla maggior parte dei lettori di questo post.

Il grosso svantaggio e' che montato insieme a un polarizzatore, diventa un gioco di precisione regolarli entrambi perche' hai due anelli indipendenti. Molti ignorano il problema e risparmiano usando solo l'ND fader per l'esposizione, e poi svitandolo leggermente dall'obiettivo visto che a quel punto si comporta come un polarizzatore. Pero' io, svitando, non sono mai riuscito a cancellare esattamente i riflessi come con un polarizzatore separato -ma magari e' un mio limite. Per il portatile: sinceramente eviterei di usare un portatile come macchina principale, per motivi di prestazioni, di sicurezza, e soprattuto di schermo i display della maggior parte dei portatili non si prestano a una correzione del colore seria.

Poi tanta ram. Per adesso il Mercury Engine che accelera la postproduzione richiede schede con core Cuda, cioe' nvidia. La differenza tra il Mercury Engine emulato in software e quello che gira nativo sulla scheda grafica si nota tanto.

Sul link a quello che girerai con la D ci conto! No, a parte gli scherzi, anche io sono convinto che gli unici filtri che servono, oggi, sono gli ND graduated sfumati. Io ne posseggo due serie: una con soft edge e una hard edge da 0.

Non utilizzo più da tempo tutta la serie di filtri wratten CC per correzione colore perchè quella si fa meglio in post production. Ma chi pensa che basti fare due scatti con un paio di stop di differenza più o meno a caso e poi con una qualche layer mask creare un digradante ND non ha capito bene le potenzialità. Negli ultimi anni mi capita ogni tanto che giovani filmmaker mi chiedano di dare una mano come "direttore della fotografia" durante le riprese, soprattutto in interni.

La mia arma vincente indovina quale è? A questo punto cari guru parlo sul serio perchè in voi ho trovato dei consigli giusti e concreti, le persone con cui collaboro hanno sempre lavorato con camere digitali e voi ne sapete di più sul mondo reflex.

In base al mio modesto budjet che ne pensate di questa configurazione? Tutta la mia vita da filmaker è stata sempre un low budjet attento al centesimo per non sbordare. Caro Max mi hai fatto venire il pallino per le mie esigenze l'obbiettivo f2. Freddy: Credo che su alcune cose , batterie e card potresti risparmiare un po' cercando in rete. Potendo, eviterei il microfono jack: un xlr decente te lo porti dietro per anni qui usiamo ancora un Ramsa di non so quanti anni fa. Buon finesettimana a tutti!

Un digradante invece è per esempio molto più utile nel caso di una ripresa controluce, cielo-mare ecc. Limitante secondo me. Un filtro ND digradante in lastrina xmm su montatura rotante è enormemente più versatile. Diciamo che la sfumatura è posta a due terzi "del filtro", le dimensioni della lastrina mi consentono di spostare La montatura rotante mi permette inoltre di lavorare anche in diagonale o sull'asse X: un soggetto appoggiato alla parete con a fianco una finestra, la finestra sovraesposta oppure lui sottoesposto.

Le montature rotanti consentono di montare fino a tre filtri e montando di volta in volta uno o più filtri di un classico kit da 0. Svantaggi: i filtri devono essere di buona qualità altrimenti introducono dominanti, sono più delicati, l'accrocchio compendium-anello-filtri sull'ottica è più ingombrante e meno maneggevole.

Con l'HDMI puoi effettuare la cattura, ma ti serve un sistema desktop per alloggiare una scheda di cattura e i dischi raid.