Scarica Norma Uni Cig 7129 2001

Scarica Norma Uni Cig 7129 2001  norma uni cig 7129 2001

Norma italiana Impianti a gas per uso domestico UNI CIG alimentati da rete di distribuzione .. Gli apparecchi di cottura devono sempre scaricare i prodotti della . solo in locali permamentemente ventilati secondo la norma UNI " 32,01 9. 64,66 99,82 1. 15 2. 0,54 3. 1,03 4. 2,27 5. 4,19 6. 8,81 7. 13,26 8. Sconto Soci Effettivi UNI Per saperne di più. (più IVA di legge se applicabile Norma numero: UNI Commissioni Tecniche: [CIG - Post Contatore] . Il nuovo testo della norma UNI "Impianti a gas per uso In dettaglio, le principali novità introdotte nell'edizione della norma UNI sono: -nel caso specifico- oltre a UNI è il CIG Comitato Italiano Gas (Ente. La norma UNI-CIG /08 introdotte dalla recente UNI CIG alla tecnica di Rispetto alla UNI , sono introdotte le seguenti modifiche: 3) scaricare direttamente all'esterno (scarico a parete o scarico diretto a tetto) nel nel. Impianti – UNI o UNI quale norma applicare? Il parere del Clicca qui per scaricare il comunicato del CIG · Clicca qui.

Nome: norma uni cig 7129 2001
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Solo per uso personale (acquista più tardi!)
Dimensione del file: 15.57 Megabytes

Pubblicate sulla G. Conseguentemente gli installatori e gli accertatori fanno riferimento all'ultima versione della norma emessa, cioè a quella del , mentre quella pubblicata sulla GU risultava essere la versione del , versione che ha alcune differenze su punti non secondari.

Il rischio per gli installatori era quello di emettere una Dichiarazione di conformità corretta e riferita alla versione del , ma nell'eventualità di guai di tipo giudiziario di poter trovare un Magistrato o un CTU Consulente Tecnico di Ufficio che facesse riferimento all'ultima versione pubblicata sulla G. Ministero delle Attività Produttive. UNI Reti di distribuzione del gas - Condotte con pressione massima di esercizio minore o uguale a 5 bar - Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento.

Articoli correlati Documenti impianti riservati. Più letti Impianti. Nov 08, Dic 27, Nov 04, Dichiarazione di conformità e allegati obbligatori impianti gas Update Gen 10, Ott 26, Apr 12, La Relazione tecnica di Progetto relativa all'efficienza… Leggi tutto.

Gen 21, Feb 23, Piano manutenzione e Registro dei controlli degli impianti elettrici D. Nov 01, In particolare è redatto in riferimento alla Guida per… Leggi tutto. Nov 07, Ultimi archiviati Impianti. Ott 09, Ott 07, Set 21, Set 19, Schema D. Il presente schema di decreto legislativo è stato predisposto, ai sensi dell'articolo… Leggi tutto. Set 16, La comunicazione va effettuata alla Banca Dati nazionale gestita dalle Camere di commercio via telematica entro 30… Leggi tutto.

Set 10, Regio Decreto Legge del 09 luglio n. Regio Decreto del 12 maggio n. Ago 30, Direttiva 11 marzo Procedure per l'individuazione, ai sensi degli articoli 4, 6 e 7 del decreto del Presidente della Repubblica 22 ottobre , n.

CollegatiDPR 22 ottobre n. La conoscenza approfondita e dettagliata della UNI è indispensabile per ogni installatore che voglia operare nel rispetto della legge e , soprattutto, voglia evitare responsabilità civili e penali per eventuali incidenti derivanti dal mancato rispetto della normativa tecnica.

UNI la parte 3 non è stata modificata nella struttura, che rimane praticamente inalterata. Ma è cambiata nello scopo, nel quale sono state incluse le caldaie a condensazione. Come conseguenza di questa inclusione, sono stati inseriti i requisiti relativi ai materiali e le specifiche necessarie per i sistemi fumari asserviti ad apparecchi a condensazione. UNI è una parte completamente nuova.

È totalmente dedicata allo scarico della condensa proveniente da apparecchi a condensazione o da camini operanti ad umido. Contiene, rivisitate ed aggiornate, le indicazioni previste dalla abrogata UNI Contiene inoltre ulteriori chiarimenti sulle modalità di scarico della condensa.

Per linstallazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione vedere UNI Tali riferimenti normativi sono citati nei punti appropriati del testo e sono di seguito elencati. Per quanto riguarda i riferimenti datati, successive modifiche o revisioni apportate a dette pubblicazioni valgono unicamente se introdotte nella presente norma come aggiornamento o revisione.

Per i riferimenti non datati vale lultima edizione della pubblicazione alla quale si fa riferimento compresi gli aggiornamenti. Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione - Progettazione e installazione - Parte 2: Installazione degli apparecchi di utilizzazione, ventilazione e aerazione dei locali di installazione.

La norma UNI-CIG 7129/08

Impianti a gas per uso domestico e similari alimentati da rete di distribuzione - Progettazione e installazione - Parte 3: Sistemi di evacuazione dei prodotti della combustione. Apparecchi a gas per uso domestico - Tubi flessibili non metallici per allacciamento. Gruppi di misura con contatori a pareti deformabili - Prescrizioni di installazione.

Tubi di acciaio impiegati per tubazioni interrate o sommerse Rivestimento esterno di polietilene applicato per estrusione. Reti di distribuzione del gas - Condotte con pressione massima di esercizio minore o uguale a 5 bar - Progettazione, costruzione, collaudo, conduzione, manutenzione e risanamento. Prodotti tubolari di acciaio impiegati per tubazioni interrate o sommerse - Rivestimento esterno di polietilene applicato per fusione.

Prodotti di gomma - Guarnizioni di tenuta di gomma vulcanizzata per tubi flessibili di allacciamento di apparecchi a gas per uso domestico - Requisiti. Piccole centrali di GPL per reti di distribuzione - Progettazione, costruzione, installazione, collaudo ed esercizio. Rame e leghe di rame - Tubi di rame rivestiti per applicazione gas in zone di interramento - Rivestimento esterno di materiali plastici applicato per estrusione.

Impianti a gas per uso domestico e similari - Linee guida per la verifica e per il ripristino della tenuta di impianti interni in esercizio - Parte 1: Prescrizioni generali e requisiti per i gas della Ia e IIa famiglia. Impianti a gas per uso domestico - Impianti di adduzione gas per usi domestici alimentati da rete di distribuzione, da bombole e serbatoi fissi di GPL, realizzati con sistemi di giunzioni a raccordi a pressare - Progettazione, installazione e manutenzione.

Valvole automatiche di sezionamento per bruciatori a gas e apparecchi utilizzatori a gas. Rubinetti a sfera ed a maschio conico con fondo chiuso, a comando manuale, per impianti a gas negli edifici. Materiali di tenuta per giunzioni metalliche filettate a contatto con gas della 1a, 2a e 3a famiglia e con acqua calda - Parte 1: Composti di tenuta anarobici.

Materiali di tenuta per giunzioni metalliche filettate a contatto con gas della 1a, 2a e 3a famiglia e con acqua calda - Parte 2: Composti di tenuta non indurenti. Materiali di tenuta per giunzioni metalliche filettate a contatto con gas della 1a, 2a e 3a famiglia e con acqua calda - Parte 3: Nastri di PTFE non sinterizzato. Rame e leghe di rame - Tubi rotondi di rame senza saldatura per acqua e gas nelle applicazioni sanitarie e di riscaldamento.

Rame e leghe di rame - Raccorderia idraulica - Raccordi per tubazioni di rame con terminali atti alla saldatura o brasatura capillare. Rame e leghe di rame - Raccorderia idraulica - Raccordi per tubazioni di rame con terminali a compressione.

Rame e leghe di rame - Raccorderia idraulica - Raccordi combinati altri termini di connessione con terminali di tipo capillare o a compressione. Rame e leghe di rame - Raccorderia idraulica - Raccordi per tubazioni di rame con terminali corti per brasatura capillare.

Sistemi di tubazioni di materia plastica per la distribuzione di gas combustibili - Polietilene PE - Parte 2: Tubi. Sistemi di tubazioni di materia plastica per la distribuzione di gas combustibili - Polietilene PE - Parte 3: Raccordi.

Sistemi di tubazioni di materia plastica per la distribuzione di gas combustibili - Polietilene PE - Parte 4: Valvole. Tubi e tubi raccordati di gomma per gas di petrolio liquefatto, GPL liquido o in fase gassosa , e gas naturale fino a 25 bar 2,5 MPa - Specifiche.

Trasporto e distribuzione di gas - Tubazioni di gas negli edifici Pressione massima di esercizio d5 bar - Raccomandazioni funzionali. Tubi di acciaio per condotte di fluidi combustibili - Condizioni tecniche di fornitura - Tubi della classe di prescrizione A. Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul filetto Parte 1: Filettature esterne coniche e interne parallele Dimensioni, tolleranze e designazione.

Filettature di tubazioni per accoppiamento con tenuta sul filetto Parte 2: Filettature esterne coniche e interne coniche Dimensioni, tolleranze e designazione. Tubi di acciaio non legato adatti alla saldatura e alla filettatura Condizioni tecniche di fornitura.

Classificazione al fuoco dei prodotti e degli elementi da costruzione - Parte 1: Classificazione in base ai risultati delle prove di reazione al fuoco. Assemblaggi di tubi metallici ondulati di sicurezza per il collegamento di apparecchi domestici che utilizzano combustibili gassosi.

Tubi ed accessori di acciaio impiegati per tubazioni interrate o immerse - Rivestimento esterno e interno a base di bitume o di catrame.

Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a V in corrente alternata e a V in corrente continua. Eventuali termini posti tra parentesi si riferiscono a sinonimi. Unit di misura mbar. Nel sistema internazionale SI lunita di misura della pressione il Pascal [Pa].

Un mbar equivale a Pa. Unit di misura kW. Si distinguono due tipi di potere calorifico: -. Unit di misura: mbar. Limpianto interno comprende le tubazioni installate sia nella parte interna che esterna delledificio. Inoltre con il termine " impianto similare" si intende indicare un impianto destinato ad alimentare apparecchi di utilizzazione per la produzione di calore, acqua calda sanitaria e per la cottura cibi installato in ambienti ad uso non abitativo e non considerati nel campo di applicazione di specifiche regole tecniche.

Questo punto potrebbe coincidere, o meno con il punto dinizio. A seconda della tipologia impiantistica questo elemento pu essere:. Questo dispositivo generalmente installato sulla tubazione di alimentazione, a monte della prima diramazione nel senso del flusso del gas.

Questo dispositivo definito anche rubinetto di utenza posto a monte dellapparecchio utilizzatore. La guaina ha la funzione di proteggere meccanicamente il tubo gas e di convogliare eventuali trafilamenti di gas direttamente allesterno o in locali aerati o aerabili.

In questo caso il rivestimento non ha la funzione di convogliare eventuali trafilamenti di gas allesterno. Questo giunto pu essere facilmente smontato e rimontato. Ai sensi della UNI EN la tenuta ottenuta per compressione, con guarnizione metallica o non metallica con o senza guarnizione tipo A oppure, per deformazione del tubo tipo B. Non sono considerate autorimesse le tettoie aperte almeno su due lati. Tali dispositivi possono essere costituiti da generiche aperture apribili e comunicanti direttamente con lesterno quali porte, finestre, portefinestre, lucernari, ecc.

Si definiscono altres aerabili i locali dinstallazione dotati di pi aperture porte, finestre, aperture permanenti non direttamente comunicanti con lesterno, ma comunicanti con almeno due locali dotati di aperture apribili e comunicanti direttamente con lesterno. Tali dispositivi possono essere costituiti da:. Punto dinizio La possibilit di manovra del dispositivo dintercettazione che costituisce il punto di inizio deve essere limitata esclusivamente allutente interessato.

A tale scopo, se necessario, si ritengono idonei rubinetti con chiavi, nicchie ed armadietti con chiave ad uso esclusivo, altri dispositivi similari.

Il collegamento tra impianto interno e gruppo di misura deve essere realizzato in modo tale da evitare sollecitazioni meccaniche al gruppo stesso come riportato nella UNI Nel caso in cui il gruppo di misura non sia dotato della presa di pressione di competenza dellazienda figura 1a - riferimento 4 , il rubinetto che costituisce il punto di inizio deve essere collegato al codolo di uscita del contatore figura 1a - riferimento 7.

Alla data di pubblicazione della presente norma in vigore Decreto Ministeriale del 16 febbraio "Modificazioni del Decreto Ministeriale 27 settembre , concernente la determinazione delle attivit soggette alle visite di prevenzione incendi". Gli impianti interni devono essere dotati di una presa di pressione facilmente accessibile e ad uso esclusivo dellutente. La presa di pressione deve essere posta a valle del dispositivo dintercettazione che costituisce il punto dinizio vedere figura 1a, 1b, 1c oppure, pu essere compresa nel dispositivo di intercettazione stesso.

Potrebbe essere prevista anche direttamente nel dispositivo di intercettazione 5 di competenza del cliente 7 Codolo di uscita 8 Mensola di fissaggio 9 Gas. Schema di collegamento di un impianto domestico o similare ed una linea di alimentazione gas asservita ad una tipologia di utenza diversa funzionante alla medesima pressione di esercizio Legenda 1 Gruppo di misura 2 Linea principale di alimentazione gas alle utenze 3 Punto dinizio e rubinetto di intercettazione generale 4 Presa di pressione 5 Utenze diverse 6 Utenza domestica 7 Giunto dielettrico in caso di tubazioni metalliche.

Schema di collegamento di un impianto domestico o similare ed una linea di alimentazione gas asservita ad una tipologia di utenza diversa funzionante con pressione di esercizio maggiore Legenda 1 Gruppo di misura 2 Linea principale di alimentazione gas alle utenze 3 Dispositivo di intercettazione 4 Riduttore di pressione 5 Punto dinizio e rubinetto di intercettazione generale 6 Presa di pressione 7 Utenze diverse 8 Utenza domestica 9 Giunto dielettrico in caso di tubazioni metalliche.

Generalit Per il dimensionamento di tratti di tubazioni che costituiscono limpianto interno si rimanda allappendice A. In presenza di progetto consentito ricorrere a procedure di dimensionamento diverse purch sia garantito un risultato equivalente. Le sezioni delle tubazioni costituenti l'impianto devono essere tali da garantire una fornitura di gas sufficiente a coprire la massima richiesta limitando la perdita di pressione fra il contatore e qualsiasi apparecchio di utilizzazione a valori non maggiori di: -.

Qualora a monte del contatore sia installato un regolatore di pressione, si ammettono perdite di carico doppie di quelle sopra riportate. Determinazione della portata di gas in volume La portata di gas necessaria per alimentare ogni apparecchio deve essere rilevata in base alle indicazioni fornite dal costruttore.

Materiali I materiali da utilizzare per la realizzazione degli impianti devono essere integri, privi di danni visibili cagionati da trasporto, stoccaggio o da particolari eventi. Tubazioni Le tubazioni che costituiscono la parte fissa degli impianti possono essere di: acciaio; rame; polietilene.

Tubi di acciaio I tubi di acciaio possono essere senza saldatura oppure con saldatura longitudinale e devono avere le caratteristiche prescritte dalla UNI EN I diametri di uso corrente e gli spessori minimi da impiegare sono indicati nel prospetto 1.

Per le tubazioni di acciaio con saldatura longitudinale, se interrate, occorre prevedere tubi aventi caratteristiche uguali a quelle dei tubi usati per pressione massima di esercizio p d 5 bar UNI EN Giunzioni per tubi di acciaio Le giunzioni dei tubi dacciaio possono essere realizzate utilizzando parti e raccordi con estremit filettate conformi alla UNI EN e UNI EN , oppure a mezzo di saldatura di testa per fusione.

Per la tenuta delle giunzioni filettate possono essere impiegati materiali di tenuta che soddisfino le norme di prodotto ed utilizzati in conformit alle istruzioni del fabbricante: UNI EN per materiali indurenti sigillanti anaerobici ; UNI EN per materiali non indurenti gel, paste, impregnanti, ecc.

Dispositivi di intercettazione per tubi di acciaio I dispositivi di intercettazione rubinetti devono essere conformi alle norme applicabili per i diametri fino a DN 50 applicabile la UNI EN e possono essere installati: a vista; in pozzetti ispezionabili e non a tenuta per le tubazioni interrate; in scatole ispezionabili, a tenuta nella parte murata e con coperchio non a tenuta verso lambiente.

Il dispositivo di intercettazione dellapparecchio pu anche essere fornito direttamente dal fabbricante come parte integrante dellapparecchio vedere punto 4. Per i diametri di uso corrente, gli spessori minimi da impiegare sono indicati nel prospetto 2.

Per diametri maggiori non riportati nel prospetto 2, si deve adottare il massimo spessore previsto dalla UNI EN Giunzioni per tubi di rame Le giunzioni dei tubi di rame possono essere realizzate mediante: -.

Description:

Non sono ammesse giunzioni dirette bicchieratura, derivazione a T, ecc, tra tratti di tubazione senza lutilizzo di appositi raccordi. Dispositivi di intercettazione per tubi di rame I dispositivi di intercettazione rubinetti per i tubi di rame devono avere le medesime caratteristiche e criteri di installazione di cui al punto 4.

Tubi di polietilene I tubi di polietilene, sono da impiegare unicamente per le tubazioni interrate e in ogni caso devono essere protette contro le radiazioni solari ed a condizione che il tubo non entri allinterno delledificio. Leventuale tratto del tubo in polietilene fuori terra, non contenuto allinterno dellapposito alloggiamento, deve essere il pi breve possibile e deve essere protetto in ogni sua parte mediante guaine, profilati metallici o per mezzo di manufatti edili.

Nel caso di elevate dilatazioni della tubazione in polietilene, necessario adottare adeguati provvedimenti al fine di evitare lo sfilamento del tubo dal raccordo di giunzione al contatore. I tubi di polietilene devono avere caratteristiche qualitative e dimensionali non minori di quelle prescritte dalla UNI EN Per i diametri di uso corrente, gli spessori minimi da impiegare sono indicati nel prospetto 3. Giunzioni per tubi di polietilene Le giunzioni dei tubi di polietilene possono essere realizzate mediante: -.

Dispositivi di intercettazione per tubi di polietilene I dispositivi di intercettazione rubinetti per i tubi di polietilene possono essere di materiali plastici conformi alla UNI EN , o in alternativa metallici conformi alla UNI EN , sempre con le medesime condizioni di posa di cui in 4.

I rubinetti in materiale plastico possono essere installati solo in pozzetti dedicati oppure, se espressamente previsto dal fabbricante, anche direttamente nel terreno. In ogni caso deve essere garantita la manovrabilit dei rubinetti.

Le tubazioni del gas devono essere posate preferibilmente allesterno dell'edificio per esempio cortili, pareti perimetrali, muri di cinta, ecc. Le tubazioni metalliche acciaio, rame installate allesterno ed a vista devono essere collocate in posizione tale da essere protette da urti e danneggiamenti. In particolare ove necessario per esempio zone di transito o stazionamento di veicoli a motore , le tubazioni, devono essere protette con guaina di acciaio, di spessore non minore di 2 mm, per unaltezza non minore di 1,5 m.

In alternativa alla guaina in acciaio, possono essere utilizzati elementi o manufatti aventi caratteristiche di resistenza meccaniche equivalenti. Tali accorgimenti non sono richiesti per le tubazioni posate nelle canalette nicchie ricavate direttamente nellestradosso, quando queste ultime garantiscono la protezione rispetto agli urti accidentali. Le tubazioni a vista devono essere ancorate alla parete perimetrale esterna o ad altre idonee strutture per evitare scuotimenti e vibrazioni.

Inoltre le tubazioni devono essere posate prevedendo vincoli, ancoraggi, staffature, ed eventualmente protette, in modo tale che le dilatazioni e le compressioni non provochino deformazioni permanenti o non ammissibili.

Alcuni esempi di posa sono riportati nellappendice C. Le tubazioni possono essere collocate: -. In ogni caso le tubazioni di adduzione gas devono essere protette con materiali aventi classe A1 di reazione al fuoco secondo UNI EN La protezione di cui sopra pu essere realizzata, mediante un tubo guaina passante di metallo, avente diametro interno di almeno 10 mm maggiore del diametro esterno della tubazione gas e spessore non minore di 2 mm; materiali e spessori diversi devono comunque garantire una protezione equivalente.

Inoltre la protezione deve essere dotata, al suo interno, di idonei distanziatori. In questo caso gli ancoraggi della protezione devono essere realizzati con materiali di classe A1. In alternativa, a quanto sopra indicato, la tubazione metallica pu essere posta sotto traccia, secondo le prescrizioni di cui al punto 4.

Nellattraversamento di muri perimetrali esterni, mattoni pieni, mattoni forati e pannelli prefabbricati, il tubo di adduzione gas non deve presentare giunzioni, ad eccezione della giunzione di ingresso e di uscita vedere figura 2 e deve essere protetto con guaina passante impermeabile al gas.

La guaina pu essere indifferentemente metallica o di materiale polimerico; la guaina deve avere diametro interno maggiore di 10 mm rispetto al diametro esterno della tubazione. Attraversamento di muri perimetrali esterni in mattoni pieni Legenda 1 Ambiente esterno 2 Ambiente interno 3 Tubo guaina 4 Sezione libera 5 Sigillatura 6 Tubazione gas 7 Intonaco esterno 8 Intonaco interno 9 Raccordo di giunzione. Nell'attraversamento di muri perimetrali esterni, la sezione libera fra tubo guaina e tubazione gas deve essere sigillata con materiali adatti per esempio silicone, cemento plastico e simili in corrispondenza della parte interna del locale vedere figura 2 e figura 3.

Nellattraversamento di solette e di muri perimetrali esterni provvisti di intercapedine daria, o riempita con altro materiale isolante combustibile, la guaina deve essere esclusivamente metallica vedere figura 3. Attraversamento di una parete perimetrale esterna con intercapedine daria Legenda 1 Ambiente esterno 2 Ambiente interno 3 Guaina metallica 4 Sezione libera 5 Sigillatura 6 Tubazione gas 7 Intonaco esterno 8 Intonaco interno 9 Raccordo di giunzione 10 Intercapedine daria.

Nell'attraversamento di solai il tubo deve essere infilato in una guaina sporgente almeno 20 mm dal filo piano pavimento e la sezione libera fra il tubo di adduzione gas e la guaina deve essere sigillata nella parte superiore con materiali adatti per esempio silicone, cemento plastico e simili.

La guaina pu essere indifferentemente metallica o di materiale polimerico. In ogni caso, nella posa delle tubazioni non consentito luso di leganti, malte o materiali similari che possono risultare corrosivi per la tubazione vedere figura 4. Attraversamento di solai Legenda 1 Tubazione gas 2 Sezione libera 3 Sigillatura 4 Guaina 5 Raccordo di giunzione Dimensioni in millimetri.

Nel caso di tubazioni di polietilene sono ammessi cambiamenti di direzione utilizzando le caratteristiche di flessibilit del tubo, purch il raggio di curvatura non sia minore di 20 volte il diametro del tubo stesso. Se il gruppo di misura contatore o il punto dinizio non ubicato allinterno dellalloggio, o in spazi di esclusiva pertinenza dell'alloggio stesso balconi, cortili, giardini, ecc. Tale dispositivo deve essere in posizione accessibile.

In alternativa al rubinetto di intercettazione generale possibile installare un dispositivo d'intercettazione elettrovalvola , conforme alla UNI EN , azionato da comando a distanza il cui dispositivo di manovra pulsante, interruttore, ecc. Lelettrovalvola con comando a distanza, vedere punto 4.

Nel caso in cui allinterno dellunit abitativa alloggio installato un solo apparecchio e la tubazione interessa un solo locale, il dispositivo di intercettazione generale pu coincidere con il rubinetto dutenza. Nel caso di impianti interni di distribuzione gas particolarmente complessi ammesso sezionare le diverse parti dellimpianto utilizzando dispositivi di intercettazione conformi alla UNI EN A monte di ogni apparecchio di utilizzazione, e cio a monte di ogni collegamento flessibile o rigido, fra l'apparecchio e l'impianto interno, deve sempre essere inserito un rubinetto di utenza, posto in posizione accessibile.

Tale rubinetto pu essere parte integrante o fornito con lapparecchio vedere punto 4. I punti terminali dell'impianto, per i quali previsto un successivo allacciamento degli apparecchi di utilizzazione, devono essere dotati di rubinetti di intercettazione e muniti di un tappo filettato in uscita dello stesso.

Il rubinetto pu essere evitato nelle predisposizioni per possibili ampliamenti futuri dellimpianto interno, in questi casi la tenuta della tubazione deve essere realizzata con idonei tappi filettati o saldati. Sulla linea di adduzione gas, costituita da tubazioni metalliche, derivata da altre tipologie di impianto figura 1b e figura 1c deve essere installato un giunto isolante monoblocco giunto dielettrico immediatamente a valle del punto di inizio.

Per gli aspetti relativi ai collegamenti tra le tubazioni del gas e gli impianti di terra, equipotenziali, ecc. Non consentito il sottopasso degli edifici, ovvero la percorrenza delle tubazioni sotto le fondamenta, allinterno di vespai e intercapedini non accessibili. Non e consentito posare le tubazioni del gas direttamente sotto traccia, anche se con guaina, nel lato esterno dei muri perimetrali delledificio e delle sue pertinenze.

Non consentita la posa delle tubazioni sotto traccia, compreso sotto pavimento, nei locali costituenti le parti comuni delledificio. Non consentito il contatto con leganti, malte o altri materiali che risultino corrosivi per le tubazioni. Non consentita la posa in opera di tubi del gas a contatto con pali di sostegno delle antenne televisive.

Inoltre non consentito il contatto con tubazioni dell'acqua; per i parallelismi e gli incroci il tubo del gas, se in posizione sottostante, deve essere protetto con opportuna guaina impermeabile, in materiale polimerico.

In alternativa possono essere utilizzati tubi in rame con rivestimento esterno conformi alla UNI o tubi in acciaio con rivestimento esterno conformi alla UNI o UNI Non consentita la collocazione delle tubazioni del gas nei camini e canne fumarie, asole tecniche utilizzate per lintubamento, nei condotti per lo scarico fumi, delle immondizie, nei vani per ascensori e aperture di ventilazione ed altre strutture destinate a contenere servizi elettrici e telefonici.

Non consentito collocare giunzioni filettate e meccaniche allinterno di locali non aerati o non aerabili. Non consentito, per gas aventi densit relativa maggiore di 0,8 installare tubazioni, a vista o in canaletta non a tenuta, in locali con pavimento al di sotto del piano di campagna.

Non consentito l'uso delle tubazioni del gas come dispersori, conduttori di terra o conduttori di protezione di impianti e apparecchiature elettriche CEI , impianti telefonici compresi. Non consentita la posa delle tubazioni di polietilene allinterno del perimetro del corpo delledificio. Modalit di posa delle tubazioni gas allesterno della singola unit immobiliare La scelta del tracciato per la posa in opera delle tubazioni gas deve essere fatta nel rispetto della legislazione vigente.

Allesterno allunit immobiliare le tubazioni possono essere installate: -. Le tubazioni a vista devono essere installate in conformit ai criteri generali di cui al punto 4. Gli elementi di ancoraggio, per tubi di acciaio, devono essere distanti luno dallaltro non pi di 2,5 m per i diametri sino a 33,7 mm e non pi di 3,0 m per i diametri maggiori.

Per tubi di rame, le distanze consigliate per lo staffaggio sono indicate nel prospetto 4. Distanze massime consigliate per lo staffaggio dei tubi di rame Diametri esterni della tubazione mm.

Sulla parete perimetrale esterna delledificio consentita la posa delle tubazioni del gas allinterno di una canaletta di protezione. La canaletta pu essere costituita da materiale metallico o plastico.

Inoltre la canaletta deve avere riferimenti esterni che segnalano la presenza di tubazioni del gas al suo interno. La canaletta pu essere ancorata o ricavata direttamente nellestradosso della parete esterna vedere figura 5b. In questultimo caso le pareti, che definiscono alloggiamento, devono essere rese stagne verso linterno della parete nella quale ricavato. Tale operazione pu essere fatta anche mediante idonea rinzaffatura di malta di cemento.

Legenda a Canaletta ancorata b Canaletta ricavata nellestradosso della parete esterna 1 Intonaco 2 Canaletta 3 Tubazione gas 4 Griglia o superficie chiusa 5 Ancoraggio tubo gas 6 Mattoni forati 7 Malta di cemento 8 Canaletta - nicchia. Per i gas di densit relativa allaria maggiore di 0,8 la canaletta non pu scendere al di sotto del piano campagna. Installazione di tubazioni interrate Le tubazioni interrate devono avere sul loro percorso riferimenti esterni in numero sufficiente a consentirne la completa individuazione quali, per esempio targhe da fissare a muro o sul terreno atte ad individuare lasse della tubazione.

Le tubazioni devono essere posate su un letto di sabbia o di materiale vagliato granulometria non maggiore di 6 mm , di spessore minimo mm e ricoperte, per altri mm con materiale dello stesso tipo. Nel caso in cui la tubazione fuoriesca dal terreno allesterno delledificio, subito dopo luscita fuori terra, la tubazione deve essere segnalata con il medesimo colore per almeno mm o altro riferimento permanente tubo con rivestimento di colore giallo, etichetta con scritta "GAS", ecc.

Tale disposizione pu non essere applicata per il tratto di tubazione di collegamento al gruppo di misura. La profondit d'interramento della tubazione, misurata fra la generatrice superiore del tubo ed il livello del terreno, deve essere almeno pari a mm vedere figura 6. Profondit di interramento Legenda 1 Nastro di segnalazione 2 Materiale di risulta 3 Sabbia Dimensioni in millimetri.

UNI 7129:2015: guida al Testo Unico per gli impianti a gas

Nei casi in cui non si possano rispettare le condizioni di posa di cui sopra occorre prevedere una adeguata protezione meccanica della tubazione del gas. La protezione deve essere realizzata tenendo conto delle eventuali sollecitazioni a cui la tubazione del gas potrebbe essere sottoposta, incluso leventuale stazionamento o transito di autoveicoli. In relazione alle eventuali sollecitazioni prevedibili si pu ricorrere per esempio allutilizzo di una guaina di acciaio di spessore non minore di 2 mm oppure, ad una struttura in laterizio vedere figura 7a e figura 7b o ad altri sistemi di equivalente efficacia.

In prossimit dellentrata o delluscita dal terreno, deve essere previsto un sistema di sfiato dellalloggiamento o della guaina, al fine di evitare accumuli di gas, come per esempio un pozzetto di ispezione. Esempio di posa interrata per tubazioni metalliche e di polietilene protette in apposito alloggiamento Legenda 1 Pavimentazione 2 Tubazione 3 Piastra di copertura 4 Alloggiamento 5 Soletta 6 Terreno, materiale inerte di riempimento 7 Nastro di segnalazione 8 Sabbia 9 Rivestimento.

Esempio di posa interrata per tubazioni metalliche protette in apposito alloggiamento Legenda 1 Pavimentazione 2 Tubazione 3 Griglia o piastra di copertura 4 Alloggiamento 5 Soletta 6 Terreno, materiale inerte di riempimento 7 Eventuale cavalletto di fissaggio.

Nel caso di parallelismi, sovrappassi e sottopassi fra i tubi del gas ed altre canalizzazioni, la distanza minima, misurata fra le due superfici affacciate, deve essere tale da consentire gli eventuali interventi di manutenzione su entrambi i servizi e dove necessario, la tubazione del gas deve essere posta in guaina per evitare il pericolo che accidentali trafilamenti di gas possano interessare le canalizzazioni su indicate.

Nei parallelismi la guaina deve essere prevista per lintero tratto interrato se la tubazione del gas e le altre canalizzazioni sono ad una distanza minore di 1 mm.

Nel caso di sovrappasso e sottopasso la guaina si deve estendere per non meno di 1 mm da entrambe le parti. Per le tubazioni metalliche le distanze di rispetto da cavi elettrici, telefonici e simili, non in cunicolo, devono essere conformi alle specifiche norme CEI. Tutti i tratti interrati di tubazione di rame devono essere conformi alla UNI , cio dotati di un rivestimento protettivo. I tratti di tubazione privi del rivestimento protettivo contro la corrosione, posti in corrispondenza di giunzioni, quali curve, pezzi speciali, ecc.

Linstallazione del giunto isolante monoblocco giunto dielettrico , pu essere omessa quando il tratto interrato, di tubazione metallica, riguardi il solo collegamento a tubazione in polietilene vedere esempi di figura C. Si ritiene soddisfatta questa condizione quando: -. Mentre le tubazioni in rame siano conformi a UNI ;. Gli eventuali tratti di tubazione metallica e i relativi raccordi giunzioni, curve, pezzi speciali, ecc. In ogni caso gli eventi atmosferici, o di altro tipo, non devono rendere inefficaci le protezioni di cui sopra rispetto alla resistenza elettrica tra tubazione e terreno.

Tutte le giunzioni meccaniche o filettate, se interrate, devono essere poste in un pozzetto ispezionabile.

Per le tubazioni metalliche interrate che entrano direttamente nel corpo delledificio, il pozzetto altres necessario, per lo sfiato verso lesterno della guaina di attraversamento della parete perimetrale figura C. Il pozzetto non necessario nel caso di tubazioni con guaina che sfiata direttamente allesterno figura C. Le tubazioni di polietilene devono essere mantenute allesterno dei muri perimetrali delledificio da servire e devono essere collegate alle tubazioni metalliche, prima della loro fuoriuscita dal terreno ad eccezione del collegamento al contatore.

In questo caso il tratto di tubazione di polietilene in uscita dal terreno deve essere protetta, lungo tutto il percorso, contro gli agenti atmosferici, raggi UV ed urti accidentali. Modalit di posa delle tubazioni gas allinterno della singola unit immobiliare Le tubazioni allinterno dei locali di propriet e nelle eventuali pertinenze possono essere installate: -.

Nei locali non aerati o non aerabili, cio nei locali privi di aperture rivolte verso l'esterno, le giunzioni possono essere solo saldate o brasate. Le tubazioni installate a vista devono avere andamento rettilineo verticale ed orizzontale ed essere opportunamente ancorate per evitare scuotimenti, vibrazioni ed oscillazioni.

Gli elementi di ancoraggio devono essere installati come indicato al punto 4. Le tubazioni di acciaio installate a vista devono essere adeguatamente protette contro la corrosione mediante appositi rivestimenti idonei al luogo di installazione, quali zincatura UNI EN o verniciatura. Installazioni interne in canaletta Allinterno della singola unit immobiliare consentito luso di canalette come protezione delle tubazioni gas, purch realizzate ed installate con le limitazioni di cui al punto 4.

La canaletta deve essere realizzata ed installata in modo da poter permettere alloccorrenza eventuali ispezioni e manutenzioni. Installazioni interne sotto traccia Le tubazioni sotto traccia possono essere installate nelle strutture in muratura nei pavimenti, nelle pareti perimetrali, nelle tramezze fisse, nei solai, ecc. Le tubazioni inserite sotto traccia devono essere posate, parallele agli spigoli, ad una distanza non maggiore di mm dagli spigoli stessi vedere figura 8.

I tratti terminali per l'allacciamento degli apparecchi, devono avere la minore lunghezza possibile al di fuori dei mm dagli spigoli per esempio scaldabagno, caldaia, ecc. Nella posa sotto pavimento, le luci delle porte non costituiscono discontinuit della parete. Nel caso di posa sottotraccia entro la fascia di mm, ubicata nella zona pi bassa di una parete, preferibile collocare la tubazione nella met superiore di tale fascia, per evitare i possibili danneggiamenti causati da interventi successivi, quali per esempio la posa di battiscopa, ecc.

Nel caso in cui non sia possibile rispettare le distanze di cui al punto 4. L'intera tubazione sotto traccia deve essere annegata direttamente in malta di cemento, costituita da una miscela composta da una parte di cemento e tre di sabbia operando come segue: -.

Nel caso in cui le pareti contengano cavit per esempio mattoni forati necessario che le tubazioni del gas siano inserite in una guaina avente diametro interno maggiore di 10 mm rispetto al diametro esterno della tubazione. In presenza di una guaina di protezione per la posa di cui al punto precedente, lo spessore della malta di cemento pu anche essere ridotta fino a 15 mm vedere figura 9. Tubazione gas inserita in guaina Legenda 1 Mattoni forati 2 Guaina 3 Malta di cemento 4 Tubazione gas Dimensioni in millimetri.

La realizzazione della traccia per la posa delle tubazioni a pavimento, pu essere evitata sempre che le stesse siano poggiate direttamente sulla caldana del solaio e ricoperte con almeno 20 mm di malta di cemento anche in presenza di eventuali rivestimenti protettivi.

Sia per i locali non aerati, sia per quelli non aerabili, devono essere rispettate le condizioni di cui al punto 4. Disposizioni generali per la posa in opera delle tubazioni gas allesterno nelle parti comuni delledificio La posa delle tubazioni gas deve essere fatta seguendo opportuni percorsi predisposti allo scopo ed al servizio esclusivo degli impianti gas. La posa in opera delle tubazioni del gas nelle parti ad uso comune di un edificio multifamiliare deve essere effettuata nel rispetto delle disposizioni generali, di cui ai punti precedenti, ed in ottemperanza alle norme di sicurezza antincendio in vigore per gli edifici di civile abitazione.

7.1.2 - Leggi e norme tecniche

In aggiunta devono essere rispettate le disposizioni dei punti di seguito riportati. Modalit di posa delle tubazioni gas allesterno nelle parti comuni delledificio Le tubazioni possono essere collocate: -. Lancoraggio o lo staffaggio delle tubazioni deve essere effettuato secondo i punti 4.